Vit.En

Ampelografia

Introduzione

Il viticoltore riconosce bene le varietà che abitualmente coltiva e sarebbe in grado di individuarle anche in un altro ambiente, perché una determinata cultivar mantiene abbastanza costanti le sue caratteristiche (forma e colore delle foglie, dei tralci, dei grappoli, ecc.), con variazioni legate essenzialmente alle condizioni di nutrizione. Lo stesso viticoltore trova invece difficoltà a riconoscere qualche pianta diversa finita per errore assieme alle barbatelle acquistate. Stessi problemi si riscontrano per individuare, con un nome univoco, vecchie varietà ormai poco diffuse, chiamate a volte in modo diverso anche a distanza di pochi chilometri. Il tutto si spiega facilmente se si tiene conto che a livello mondiale ci sono da 12 a 15 mila varietà diverse di vite. 

Ricerca per Tag: Ampelografia

La vitis sylvestris

di Giancarlo Scalabrelli, Claudio D'Onofrio, Marcello BorniceVitenda 2013La vite selvatica viene qui paragonata alla vite coltivata (o sativa). Come riconoscerle attraverso analisi specifiche.

I vitigni autoctoni tra realtà e immaginazione

di Giancarlo Scalabrelli. Da Vitenda 2002 Indipentemente dal successo riscontrato negli ultimi anni dai vitigni autoctoni, dettato da una moda probabilmente destinata a un lento declino, è importante contrastare l'erosione genetica [...]

Gewurtztraminer

Riccardo Castaldi Da Millevigne, 3 2015 Storia, diffusione e caratteristiche agronomiche di un vitigno aromatico di grande successo.

Il Nebbiolo ed il suo patrimonio clonale

Franco Mannini Da Millevigne, 3 2015 Sono ben 43 i cloni del vitigno Nebbiolo iscritti al Registro Nazionale delle Varietà di Vite.
Pagina: <<1
2