Vit.En

Fili

Fili

 Anche se sono noti impie­ghi già nel Medio Evo, i fili si sono diffusi tardi nel vi­gneto e l’utilizzo è diventato abituale solo nella secon­da metà del secolo scorso. In precedenza prevalevano i soste­gni verticali o obliqui e, quando servivano collegamenti orizzon­tali, si impiegavano pertiche sottili o canne legate con salici. Qualche vecchio vigneto, almeno in parte così strutturato, sopravvive ancora. La zincatura del filo era nota fin dall’inizio del 1800, ma i costi ne limitavano l’impiego, per cui spesso si impiegava il filo nero, tentando di ostacolarne il deperimento con trattamenti protettivi a base di olio o vernici. Con i progressi delle trafilerie, si sono ridotte le sezioni dei fili rendendone impossibile la resi­stenza alla ruggine, per cui è stato indispensabile ricorrere alla zincatura.

Nel 1965, sono apparsi i primi fili di plastica e negli anni '70 il filo in poliammide ha conosciuto una certa diffusione.  Oggi la durata non rappresenta più un problema in quanto fili di poliammide in opera da oltre trent'anni mantengono inalterata la loro funzionalità.

Nella seconda metà degli anni ’70, fa la sua comparsa il filo di acciaio inossidabile che, in pochi anni ha convinto i viticoltori, occupando oggi una fetta importante del mercato, nonostante i costi elevati.

Per un approfondimento vedi l'articolo "Fissaggio dei fili nel vigneto" da L'Informatore Agrario" n. 24 del 2003

Ricerca per Tag: Fili

Fissaggio dei fili nel vigneto.

di Albino Morando, Sergio Lembo, Giulio Moiraghi, Fabio Sozzani.Il fissaggio dei fili ai sostegni verticali e il loro tensionamento rivestono un ruolo determinante per la stabilità della controspalliera e per la gestione delle [...]

La struttura del vigneto pali, fili e accessori

di Morando A., Lembo S., Prandi M.Terra e Vita n. 42 2000caretteristiche e funzionalità dei sostegni utilizzati per l'impianto del vigneto.

L'inox in vigneto

di Lavezzaro S., Ferro S., Morando A.da VQ, Vite Vino e Qualità n. 4 del 2012Nel 2012 ricorre il centenario della scoperta dell'acciaio inox. Se ne presentano i molteplici usi nel vigneto.

Legature della vite ai sostegni

Morando A., Lembo S., Valagussa P. L'Informatore Agrario (17) 2000 Vengono esposti materiali tradizionali di origine vegetale e legacci sintetici o metallici adatti ad assicurare la vite ai sostegni