Vit.En

Pali

Pali di cemento

La produzione iniziale dei pali di cemento era sempre aziendale, utilizzando come stampi delle semplici assicelle appoggiate su un pavimento di cemento ed inserendo due o, più frequentemente, quattro tondini di ferro collegati da staffe. Talvolta la forma era più complessa per ottenere un doppio tronco di piramide allo scopo di avere la sezione maggiore nella zona di maggior sforzo. Progressivamente, allo scopo di aumentare la resistenza e diminuire il peso, si è introdotta la vibrazione dei pali, ricorrendo anche a semplici dispositivi realizzati in azienda. Con l’obiettivo di alleggerire il sostegno, si è diffusa in seguito la produzione dei pali vibrati e traforati.

Dimensioni. Variano con l’altezza della forma di allevamento e le sollecitazioni cui il sostegno è sottoposto. Per i pali di testata si hanno sezioni alla base di 8 x 8 cm, fino a 14 x 14 cm, a cui corrispondono pesi di oltre 80 kg, per 3 m di lunghezza. Per quelli di mezzeria, si utilizzano dimensioni minori, da 9 x 8 cm fino ad un minimo di 5 x 6 cm, con un peso di 18-20 kg in corrispondenza di 2,5 m di lunghezza.

I pali precompressi rappresentano la soluzione tecnica più moderna, che maggiormente si è avvantaggiata dei progressi intervenuti nel settore del cemento armato.

Ricerca per Tag: Pali

Le testate del vigneto

di Albino Morando, Sergio LemboLa solidità della testata è sempre una prerogativa irrinunciabile per la stabilità della struttura del vigneto, maggior ragione se la vendemmia è meccanica.Per gentile concessione de [...]

Tecniche per aumentare la durata dei pali di legno

di Sergio Lembo Si descrivono le pratiche più comuni adottate per aumentare la durata dei pali di legno per il sostegno delle viti, a seconda anche del tipo di legno impiegato. Si tratta comunque di operazioni che vanno eseguite da [...]

Pali metallici per il vigneto.

di Morando A., Lavezzaro S.Millevigne n. 1 2008 Caratteristiche, vantaggi e svantaggi dei pali da vigneto in acciaio carbonioso ed acciaio inox.

Il vigneto inossidabile.

di Albino Morando e Fabio Sozzanida Oicce n. 35 del 2001L'acciaio inossidabile è ormai diventato la principale materia prima nell'impianto del vigneto, non solo per pali e fili metallici, ma in tutta una serie di indispensabili accessori.

La struttura del vigneto pali, fili e accessori

di Morando A., Lembo S., Prandi M.Terra e Vita n. 42 2000caretteristiche e funzionalità dei sostegni utilizzati per l'impianto del vigneto.

Legature della vite ai sostegni

Morando A., Lembo S., Valagussa P. L'Informatore Agrario (17) 2000 Vengono esposti materiali tradizionali di origine vegetale e legacci sintetici o metallici adatti ad assicurare la vite ai sostegni