Notice (8): unserialize() [function.unserialize]: Error at offset 0 of 794 bytes [CORE/cake/libs/cache/file.php, line 184]
Vit.En.

Vit.En

Asti e Moscato d'Asti

Il presente

Il primo problema del vino base per l’Asti è la conservazione degli zuccheri originali. Con la loro fermentazione, il vino perde gli aromi ed assume un caratteristico gusto amarognolo, raramente gradevole: per questo sono pochissimi i Moscati secchi in commercio. Oggi, grazie agli impianti frigoriferi che consentono di mantenere la temperatura del mosto a valori di poco superiori a quelli di congelamento, si impedisce la fermentazione, rendendo possibile la conservazione del prodotto in vasca anche per anni, mentre in passato si doveva filtrare ripetutamente per bloccare il processo.

Ricerca per Tag: Asti e Moscato d'Asti

Il Moscato Bianco di Canelli: storia e innovazione

di Lorenzo Tablino. Il Moscato Bianco ha una storia antica e illustre. Poichè il vino prodotto da questa magnifica uva ha sempre suscitato interesse e ammirazione, i suoi produttori sono rimasti al passo coi tempi utilizzando [...]

Bollicine in autoclave, due secoli di storia.

Lorenzo Tablino Da Millevigne n. 6 del 2012 Passo passo ecco la storia delle bollicine: dai primi esperimenti francesi del 1851 di Rousseau, al metodo Martinotti, il polo spumantistico canellese ecc.

Bollicine mon amour

Di Lorenzo Tablino Storia del perlage e tecnica di formazione delle amate bollicine con tutti gli elementi che intervengono nella loro formazione. Segue il metodo per una loro valutazione sensoriale e consigli per il giusto bicchiere da [...]

Asti e Moscato d'Asti, la lunga storia

Lorenzo Tablino Millevigne, 2017, 2, 42-43 Una storia iniziata nel 1865 a Canelli, quella dell'Asti, allora noto come Moscato Spumante, primo spumante italiano prodotto con Moscato bianco, qui raccontata passo dopo passo.