Vit.En

Forme di impiego

Forma liquida

Presenta un grado di purezza del 99,9%, conservata in bombole relativamente grandi (minimo 58 kg,) alla pressione di 3 bar, viene erogata mantenendo il contenitore, posto direttamente su un peso, rivolto verso il basso per far defluire l’antisettico liquido, che va introdotto nella parte centrale della massa, sottoposta poi ad agitazione o rimontaggio chiuso, per la necessaria omogeneizzazione. Per piccoli dosaggi si può impiegare un apparecchio apposito detto solfitometro. La manipolazione richiede personale esperto, munito di patentino, tenuto conto della tossicità del gas. Per questo oggi è poco usata.

X

Ricerca per Tag: Forme di impiego

Riduzione dell'uso di SO2 nelle prime fasi della vinificazione

Maria Tiziana Lisanti, Luigi Moio Da Vitenda 2018 Come diminuire l'uso di SO2 passo dopo passo, a partire dal vigneto, soprattutto in fase di raccolta dell'uva, quindi al conferimento e durante la fermentazione alcolica.

Abbiamo ancora bisogno dell'anidride solforosa in enologia?

Di Elisa Martelli Da Millevigne, 2017, n. 1, 26-30 Come controllare l'uso dell'SO2 a partire dalla raccolta e conferimento in cantina e nelle successive fasi della vinificazione.