Vit.En

serbatoi metallici

Costruzione

Taglio: si parte da lastre di acciaio piane che vengono tagliate. In passato si usava la sega a nastro, oggi totalmente sostituita da altri sistemi più rapidi. Quando serve un taglio rettilineo, le lamiere vengono tranciate con cesoie o trance. Un taglio rapido è quello fornito dal plasma, lasciando però dei bordi termicamente alterati, che vanno rifiniti con decapaggio o con abrasione. Un taglio “rifinito” e senza riscaldamenti o alterazioni della lega è eseguito con il getto di acqua contenente abrasivi, impiegabile fino a 100 mm. Per spessori minori (ideale 8-10 mm, massimo 25 mm) la tecnologia più recente e più interessante è quella laser, anche questa in grado di non alterare la lega in prossimità del taglio e di operare con velocità su qualsiasi percorso, oggi sempre gestito da computer.

Calandratura delle virole: ovvero si conferisce l’esatto raggio di curvatura alla lamiera, giungendo i lembi con una saldatura automatica

Saldature: gli acciai austenitici si lavorano con discreta facilità; ogni intervento, in particolare le saldature, va fatto con molta professionalità ed attenzione, per ottenere un manufatto resistente dal punto di vista meccanico, ma anche adatto alle esigenze di pulizia che, in molti casi, va seguita dalla sterilizzazione.

Formazione dei fondi: fondi piani sono un semplice cerchio; quelli bombati richiedono invece una modellazione a freddo della lamiera che si effettua in due fasi: la prima è la baulatura che ottiene la calotta, la seconda è l’imbutitura che modifica il bordo esterno per portarlo alla fase cilindrica e quindi facilitare la saldatura di collegamento con la virola.

Applicazione degli accessori:

  • supporti di appoggio o gambe di forma varia: devono essere particolarmente robusti per assicurare una perfetta stabilità con il contenitore pieno;
  • aperture che consentono l’entrata di una persona: sono la portella, disposta alla base del contenitore o poco più in alto; il boccaporto posto alla sommità e il passo d’uomo, altra portella simile alla prima, tendenzialmente con chiusura dall’interno, necessaria quando non si può entrare nel contenitore dalla parte bassa per la presenza delle vinacce;
  • attacchi per le valvole; generalmente sono tre: valvola di scarico totale, posta nella parte più bassa del fondo; valvola di prelievo del vino (valvola di spina) posta in modo da non lasciar defluire i depositi; valvola di decantazione, posta più in alto, necessaria quando si effettuano chiarifiche che possono lasciare depositi consistenti (mosti bianchi).


Rifiniture superficiali: le acciaierie forniscono le lamiere con finitura standard 2B. Oggi è disponibile una lavorazione superficiale detta HyClean, notevolmente più liscia e quindi più facile da pulire (si calcola un risparmio di oltre il 50% di detergente). Le rifiniture delle vasche finite possono essere varie, dalla lucidatura a specchio ai processi di stampa a caldo.

Ricerca per Tag: serbatoi metallici

I contenitori nell'industria enologica. Corriere Vinicolo n. 20 1993

Vantaggi e svantaggi dei materiali impiegati per la fabbricazione dei contenitori enologici.

Indagine sulle tipologie e la consistenza dei vasi vinari.

di Bevione D., Morando A., Taretto E.da Vini d'Italia VI 4 1990Si tratta di un "censimento" dei vasi vinari più diffusi in Piemonte. Dalle botti e barrique, l'acciaio inox, il cemento al PRFV.

1963-2003: Quarant'anni di progressi delle macchine enologiche.

Di Albino Morando ed Ernesto Taretto.Per i 40 anni del SIMEI gli autori ripercorrono il cammino compiuto dalla tecnologia in tema di macchine ed impiantistica enologica. Pigiatura, contenitori per la macerazione, pompe, macchine refrigeranti, [...]

Bollicine in autoclave, due secoli di storia.

Lorenzo Tablino Da Millevigne n. 6 del 2012 Passo passo ecco la storia delle bollicine: dai primi esperimenti francesi del 1851 di Rousseau, al metodo Martinotti, il polo spumantistico canellese ecc.

Affinamento: attrezzature e costi

Di Lavezzaro Simone e Bruno Marco. Da Vitenda 2019   Un articolo che analizza i costi in cantina necessari all'ottenimento della bottiglia di vino. In questa occasione riguarda l'affinamento.