Vit.En

Miglioramento genetico

Incrocio o ibridazione

Può avvenire nell’ambito della stessa specie (es. Riesling x Malvasia) o tra specie diverse (Vitis riparia x Vitis rupestris). L’obiettivo è quello di ottenere un nuovo individuo con alcune delle caratteristiche migliori dell’uno o dell’altro genitore, ma solo raramente ciò avviene. Infatti, le probabilità di raggiungere un risultato interessante che, in ogni caso, è sempre casuale e mai garantito, aumentano con l’ampiezza dei semenzali. I primi risultati importanti nell’ibridazione della vite si sono ottenuti negli ultimi anni del XIX secolo con la produzione di quasi tutti i portinnesti attualmente in uso. In seguito sono state prodotte alcune varietà di uve da vino e molte varietà di uve da tavola.

L’incrocio intervarietale, rappresenta un buon sistema per provare a ottenere cultivar che abbinino le caratteristiche organolettiche comuni a Vitis vinifera, con la tolleranza alle principali malattie (soprattutto peronospora e oidio) offerte da Vitis labrusca, Vitis rotundifolia, ecc…
Vi sono anche recenti esperienze di incroci intravarietali, in cui Vitis vinifera europea è stata incrociata con vitigni sempre di V. vinifera con caratteristiche di tolleranza ad una o più patologie. È ad esempio il caso di due cultivar di vinfera provenienti dall’Asia centrale (Kishmish vatkana e Dzhandzhal) resistenti all’oidio.
Da un punto di vista storico e tecnico si possono individuare 3 fasi nella storia dell’ibridazione che corrispondono a generazioni differenti di ibridi.
Prima generazione. Individui americani frutto di ibridazioni spontanee o artificiali eseguite nel corso del XIX secolo. Essi, anche chiamati Ibridi Produttori Diretti (IPD) presentavano resistenza alla fillossera seppure non sempre completa, ma associavano ad essa una scadente qualità organolettica. Infatti era sempre prevalente il cosiddetto gusto “foxy” derivante dalla V. labrusca. In Italia attualmente, ad eccezione della cv. Noah (vite per uva da tavola), non è ammesso alla coltura alcun IPD al fine di preservare la qualità della viticoltura nazionale.
Seconda generazione. Sono ibridi ottenuti soprattutto in Francia a cavallo del 1900 con l’intento di incrementare la qualità dell’uva. Nello stato d’Oltralpe gli ibridi di seconda generazione ebbero una enorme diffusione raggiungendo nel 1950 i 400.000 ettari. Essi ottennero l’obiettivo di tollerare le malattie crittogame pur senza mai raggiungere livelli qualitativi accettabili, tanto che ne fu proibita la coltivazione in tutta Europa. Anche in Italia furono diverse le esperienze in tal senso specie presso l’allora Istituto Sperimentale per la Viticoltura di Conegliano, ma con risultati poco interessanti da un punto di vista pratico.
Terza generazione. Per fortuna la sperimentazione non si è mai fermata in tutta Europa, sfociando nella cosiddetta “terza generazione”. Tale fase tutt’ora in atto, consiste nell’ibridazione di genotipi ottenuti dalla seconda generazione con cv. di Vitis vinifera, ed eventualmente gli individui ottenuti, ulteriormente incrociati sempre con vinifera in modo da rafforzare il carattere “qualità dell’uva”. La Germania è il Paese che ha profuso il maggiore sforzo in tal senso, raggiungendo risultati eccellenti, con un buon compromesso fra resistenza alle malattie e qualità dell’uva e del vino. Negli ultimi anni anche diverse strutture in Italia sia pubbliche che private hanno fatto passi da gigante nell’ottenere ottimi ibridi, alcuni dei quali sono oggi ammessi alla coltivazione sul territorio Nazionale.

Ricerca per Tag: Miglioramento genetico

La selezione massale in vigneto

di Albino Morando, Fabio Sozzani, Gabriele Gallesio. In questo articolo sono evidenziati modalità e procedure per una selezione massale positiva corretta e funzionale.

Scelta del materiale vivaistico e selezione clonale della vite.

di Franco Mannini. Da Vitenda 1996 Tutto ciò che occorre sapere in materia di vivaismo viticolo: dalla normativa di legge, alla selezione clonale, dalla sanità delle barbatelle ai migliori metodi per il loro impianto.

Il miglioramento genetico della vite. Situazioni e prospettive

di Luigi Bavaresco La vite è coltivata in varie zone del mondo a clima prevalentemente temperato (circa 8 milioni di ettari), dove produce circa 70 milioni di tonnellate di uva, utilizzate per il 70% per la produzione di vino, il 22% [...]

Il protocollo di selezione clonale della vite si aggiorna

di Franco Mannini La normativa riguardante la produzione e la commercializzazione del materiale di propagazione della vite è stata interessata negli ultimi anni da un importate processo di revisione ed aggiornamento con la pubblicazione [...]

Nebbiolo. Un nuovo clone

Franco Mannini, Alessandra Mollo, deborah Santini, Elena Marchese, Ruggero Tragni Da Millevigne n. 2 del 2013 Il più recente clone di Nebbiolo, CVT C2, iscritto al registro Nazionale è qui descritto nelle sue carateristiche [...]

La selezione clonale della vite in Italia: luci ed ombre

Di Franco Mannini Da Vitenda 2016 L'ampia trattazione sul vivaismo in Italai si arricchisce di questo lavoro di Franco Mannini che fa il punto sugli sviluppi di un settore in costante miglioramento per ciò che concerne il materiale di [...]

Il vivaismo viticolo italiano

Di Fabio Burroni, Enrico Barca e Gian Luca Mordenti Da Vitenda 2016 Dati storici e tendenze future del mercato vivaistico italiano con il contributo d MIVA (Moltiplicatori Italiani Viticoli Associati) e C.I.V.V. Ampelos. Un settore che vanta [...]

I nuovi incroci resistenti

Riccardo Castaldi Millevigne, 4 2015 Pro e contro, rischi e vantaggi, dei vitigni resistenti, frutto di ibridazione, nell'opinione dell'autore.

Aggiornamenti sul vivaismo viticolo

A cura di Franco Mannini l'editoriale in tema viticolo scritto per Vitenda 2019.
Pagina:
1
2>>